Covid 19, è morto a Genova il collega Paolo Micai. Il cordoglio dell’Assostampa ligure

martedì, marzo 24, 2020
By refusi

paolo-micaiL’Associazione dei giornalisti della Liguria esprime il proprio cordoglio per la scomparsa del collega Paolo Micai.

Paolo, giornalista professionista, telecineoperatore, 60 anni, aveva contratto l’infezione da coronavirus. Le sue immagini erano diffuse dai canali Mediaset, ma Paolo Micai non era più uno dei giornalisti del gruppo, Mediaset , anni fa, aveva esternalizzato il suo lavoro e il contratto di riferimento del collega non era più quello giornalistico.

Paolo Micai ha continuato però a fare cronaca con la sua telecamera. Fino all’ultimo, con lo scrupolo, l’attenzione e la passione che negli anni lo hanno fatto amare dai colleghi e dalla comunità genovese.

Come lui, tante giornaliste e giornalisti sono quotidianamente impegnati per assolvere al dovere di tenere informata l’opinione pubblica in uno dei periodi più difficili della storia repubblicana del Paese. Il loro lavoro è essenziale: così vuole la nostra Costituzione, così sanciscono i cittadini che in questi giorni continuano a rivolgersi alle edicole, seguono i notiziari radiotelevisivi, si connettono ai siti di informazione.

Un lavoro non è mai privo di rischi. Ma il rischio si contiene attraverso l’informazione, la prevenzione, gli strumenti di protezione collettivi e individuali. Chiediamo al governo di includere anche i giornalisti tra le categorie a rischio e alle aziende editoriali di adottare tutti gli accorgimenti che le norme dispongono per tutelare la salute dei loro dipendenti.

Anche Re:fusi porge le più sentite condoglianze alla famiglia per la scomparsa del collega Paolo Micai

(Fonte: blog di Assostampa regionali)

Comments are closed.

cerca

twitter

  • Loading tweets...