Dopo Il Gazzettino, tocca al Mattino: Caltagirone taglia ancora i compensi ai collaboratori

mercoledì, maggio 16, 2018
By refusi

il_mattino_napoliI tagli unilaterali ai compensi dei collaborati delle testate del Gruppo Caltagirone non colpiscono solo i colleghi del Gazzettino. Anche in Campania i giornalisti autonomi hanno subito lo stesso indegno trattamento: sono i collaboratori del Mattino di Napoli, avvisati via email di un taglio già deciso dall’azienda, senza interpellare né loro né il Cdr.
A questi colleghi va tutta la nostra solidarietà, e l’impegno a lavorare per connettere la loro vertenza e quella dei collaboratori del Gazzettino: è la stessa battaglia. Un primo passo è informare. Di seguito riportiamo integralmente il comunicato congiunto del SUGC (Sindacato unitario giornalisti Campania) e del Cdr del Mattino.

“Il Gruppo Caltagirone impone, ancora una volta, con una decisione unilaterale il taglio dei compensi ai collaboratori de Il Mattino, già sottopagati a fronte della qualità e della quantità di lavoro svolto quotidianamente per la testata online. Il metodo è sempre lo stesso, poche righe per dire che i compensi saranno ridotti e che è necessario sottoscrivere quello che diventa un nuovo contratto peggiorativo con clausola vessatoria implicita: prendere o lasciare.

È inaccettabile che il lavoro dei giornalisti venga mortificato in questo modo, soprattutto se si tratta di chi non ha tutele e potere contrattuale; peraltro senza che vi siano garanzie di un miglioramento futuro. Il profilo della dignità va difeso da tutti ed è importante che sia i colleghi dipendenti che i collaboratori facciano fronte comune per scongiurare l’ennesimo taglio a compensi da sfruttamento. È con investimenti sulla qualità e non con ulteriori tagli che si rilancia un’azienda sul mercato”.

È quanto affermano congiuntamente il segretario e la presidente della commissione Lavoro autonomo del SUGC, Claudio Silvestri e Laura Viggiano e il Cdr del Mattino.

Comments are closed.

cerca

twitter

  • Loading tweets...