Contratto giornalisti: documento di 16 assostampa regionali (fra cui del Veneto)

giovedì, giugno 12, 2014
By refusi

Contratto-300x202CONTRATTO VERSO LA STRETTA FINALE, PER 16 ASSOSTAMPA CRUCIALE L’INCLUSIONE DEL MAGGIOR NUMERO DI PRECARI E COLLABORATORI STRATEGICI

Siamo ad uno snodo delicatissimo del rinnovo quadriennale del contratto nazionale di lavoro giornalistico, scaduto nel 2013. Bene ha fatto la giunta esecutiva della Fnsi a dare un mandato forte al Segretario generale per andare a vedere fino in fondo le intenzioni della controparte, “carte alla mano”. Cogliamo in pieno e con preoccupazione la complessità e la delicatezza di una trattativa in cui, a vario titolo, sono coinvolti più soggetti: le parti sociali, l’Inpgi e il governo, quest’ultimo con un ruolo strategico sul fronte dell’occupazione. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega per l’editoria, Luca Lotti, si appresta a varare il regolamento del Fondo straordinario per l’editoria e il regolamento di attuazione della legge sull’equo compenso. Temi intrecciati e interdipendenti che, per espressa dichiarazione del governo, puntano all’inclusione anche attraverso sconti fiscali e contributivi molto rilevanti, in particolare per quanto riguarda la nuova occupazione a tempo indeterminato. Un’occasione che un sindacato non può farsi sfuggire tanto più di fronte ad una crisi che nel nostro settore non ha precedenti sul fronte dell’occupazione, con forti tensioni sul welfare della categoria.
Questo rinnovo contrattuale, lo abbiamo ribadito in tutte le sedi, sta in piedi se porta a casa posti di lavoro, se concorre all’inclusione nel perimetro contrattuale di fasce importanti di precari e giornalisti che lavorano in regime di lavoro autonomo variamente declinato. L’inclusione deve fare da traino agli altri punti in discussione (aliquota di sostegno per l’Inpgi, ammortizzatori sociali, stabilizzazione del fondo ex fissa, lavoro autonomo, questione salariale), anche se alcuni dei capitoli appaiono allo stato non soddisfacenti e vanno rivisti.

Solo la lettura approfondita dei testi della bozza conclusiva potrà mettere il gruppo dirigente della Fnsi nelle condizioni di esprimere un giudizio complessivo, a partire dall’inclusione. Ogni forzatura, ogni fuga in avanti, ogni espressione liquidatoria, in questa fase delicatissima, possono produrre danni gravi alla delegazione trattante con ricadute pesanti per tutta la categoria. Un giudizio definitivo può essere basato solo sul bilancio finale della trattativa, valutate anche le attuali condizioni del settore dell’editoria e le nuove regole in materia di mercato del lavoro, considerando le conseguenze che una rottura avrebbe sugli assetti degli istituti contrattuali – a partire dall’assistenza sanitaria integrativa – oltre che sulla capacità di gestione di una crisi pesantissima e sui rapporti fra Fnsi e governo.

Le Associazioni regionali di Stampa di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino-Alto Adige, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto

Tags: , , ,

Comments are closed.

cerca

twitter

  • Loading tweets...